Un latte migliore con Grundfos

Overview_TEXT

Panoramica

La situazione
Un problema chiave nel mondo dell’industria del latte
riguarda la purezza e la potabilità dell’acqua utilizzata per
abbeverare i bovini e per pulire la zona di mungitura. Spesso,
per motivi economici, l’acqua utilizzata non è quella di
acquedotto, ma viene prelevata direttamente dai pozzi, dove
è presente una grande concentrazione di batteri che causano
problemi di salute al bestiame, in primis la mastite.
Per ovviare a questo, fino ad oggi venivano utilizzate diverse
soluzioni, che però presentano controindicazioni ed effetti
collaterali. Per esempio, l’ipoclorito di sodio necessità di
una concentrazione elevata per la disinfezione e causa
una diminuzione nell’abbeveraggio del bestiame con la
conseguenza di una minore produzione di latte, l’utilizzo
di acido peracetico compromette la bontà del latte, mentre
l’uso di acqua ossigenata è economicamente sconveniente
per l’ingente quantità di prodotto da utilizzare e i costi della
stessa. Alla luce di queste soluzioni non profittevoli per diversi
motivi, urgeva un metodo di purificazione dell’acqua che non
comportasse controindicazioni di alcun tipo.

La soluzione Grundfos
La parola chiave, partorita da un’intuizione della società Sealed Air, Diversey.
Sealed Air è il nuovo leader globale nella sicurezza dei generi alimentari, nei prodotti per l’igiene e nella protezione di impianti industriali. E proprio qui è entrata in gioco Grundfos con Oxiperm, il preparatore di biossido di cloro. Già installato presso un centinaio di ospedali, il suo utilizzo ha fatto registrare un’importante diminuzione dei casi di legionella. E dal mondo della sanità, il preparatore è sbarcato con questa sperimentazione nel mondo della produzione del latte, precisamente in uno stabilimento di produzione della centrale del latte di Arborea, in provincia di Oristano, il principale produttore della Sardegna.
L’iniezione del biossido di cloro, la cui produzione avviene grazie alla miscela di acido cloridico e clorito di sodio utilizzando l’acqua di pozzo, ha luogo sulla tubazione in mandata dell’acqua destinata agli abbeveratoi. Grazie ad un misuratore conta litri ad impulsi, viene effettuato un controllo proporzionale che permette di segnalare la portata istantanea necessaria e di gestire in modo controllabile il dosaggio dell’agente chimico. L’allevatore, con le misurazioni effettuate dal fotometro da campo – fornito in dotazione con Oxiperm - può così decidere la concentrazione del biossido più opportuna al momento. Tutto grazie ad un software che elabora gli ingressi e gestisce la frequenza della pompa dosatrice.
E c’è di più. E’ stato infatti aggiunto un punto di prelievo per una pompa dosatrice DDE all’uscita del serbatoio di stoccaggio, direttamente collegata in sala di mungitura. In questo modo la disinfezione è garantita per tutta la linea di mungitura, scongiurando ulteriormente i problemi legati ad una cattiva igiene.


Il risultato

Soltanto dopo qualche mese di funzionamento, i risultati che ha registrato Oxiperm sono entusiasmanti. I casi medi di mastiti sono diminuiti dal 10% al 3%, comportando una considerevole diminuzione delle spese relative alle terapie farmacologiche per i bovini e il mancato profitto per l’assenza di produzione di latte. Ed anche il confronto economico con le soluzioni precedenti fa trionfare il preparatore di Grundfos. Infatti, l’allevatore ci fa sapere che l’utilizzo di acqua ossigenata costava 160 euro alla settimana, cifra che invece viene spesa in un intero anno per il biossido di cloro.
Inoltre, un dato che è costantemente posto sotto i riflettori degli allevatori, ovvero il valore di cellule somatiche che per l’alta qualità del latte deve essere pari a 300 mila, è più facilmente monitorabile e controllabile grazie all’utilizzo di Oxiperm.
E non solo le mucche e la qualità del latte beneficiano di questa soluzione, anche i vitelli hanno mostrato un netto miglioramento del loro stato di benessere.
Il preparatore di biossido Oxiperm di Grundfos ha quindi davvero la grande potenzialità di risolvere nel modo più semplice, indolore ed incisivo possibile il problema della potabilità dell’acqua negli allevamenti bovini per la produzione del latte.

Panoramica dei prodotti Grundfos installati:

> OXIPERM PRO
> DIT L fotometro
> DDE pompe di dosaggio e accessori





    Facebook Twitter LinkedIn Technorati

Argomento:

Stabilimento di produzione della centrale del latte di Arborea, in provincia di Oristano, il principale produttore della Sardegna.

Località:

Arborea (OR)

Società:

AZIENDA AGRICOLA BALLIANA MARIO ROBERTO E FIGLI

Immagine Arborea
Related Products_TEXT
Contacts_TEXT

Contatto

Se necessiti di una soluzione simile, contattaci per ulteriori informazioni.

Tel.

02 95 83 81 12

Indirizzo

Via Gran Sasso 4
20060 Truccazzano Milano

Contatto

Se necessiti di una soluzione simile, contattaci per ulteriori informazioni.

Tel.

02 95 83 81 12

Indirizzo

Via Gran Sasso 4
20060 Truccazzano Milano