Impianto kazako taglia i propri costi idrici ed energetici

I nuovi sistemi di pompaggio Grundfos danno nuova vita ad un impianto sovieticoErzhan Aubakirov, Direttore dell'impianto Oskemen Vodokanal nel Kazakhstan, mostra il vecchio impianto e le moderne pompe Grundfos HS, una parte dei prodotti scelti per il rinnovamento. Alcune delle vecchie pompe risalivano al 1898 e al 1902.
Case story Water Utility

Un cartello gigante stile Hollywood con scritto “KAZAKHSTAN” domina dall'alto la città di Oskemen, la città principale della provincia orientale del paese. L'eventuale somiglianza con il luogo da sogno americano termina con quell'insegna. Già si intravedono infatti i fumi provenienti dal parco industriale locale.

La posizione geografica di Oskemen, ha reso questa città molto attraente per l'industria. L'area intorno alla città non è soltanto ricca di metalli ma anche di acqua, grazie alla confluenza dei due fiumi Irtysh ed Ulba. Il boom industriale venne comunque messo a rischio quando il sistema di alimentazione idrica della città iniziò a fallire a causa di una attrezzatura obsoleta. Era un caso estremo di manutenzione posticipata.

FOTO: I residenti di Oskemen sono fortunati, poiché vivono in una delle poche aree del Kazakistan ricche di acqua. Durante i primi anni del 2000, comunque, l'attrezzatura idrica della città era in condizione atroce. Il quantitativo di acqua persa prima che questa potesse raggiungere gli utenti finali era pari al 50%, significando che doveva essere estratta più acqua di quella che effettivamente serviva. Oskemen Vodokanal, la società che ha in gestione gli impianti idrici della città, iniziò un programma di modernizzazione nel 2009 e da quel momento la perdita idrica è diminuita drasticamente, riducendo il quantitativo di acqua da pompare.

Gli anni problematici
Nel 2001, quando l'attuale direttore Erzhan Aubakirov divenne ingegnere capo alla Oskemen Vodokanal, la società che ha in gestione gli impianti di distribuzione idrica della città, la società era in grandi difficoltà. "Era fortemente indebitata e lo era stata per anni," ricorda Aubakirov.

Le vecchie attrezzature, alcune delle quali vecchissime, dovevano essere sostituite, ma Oskemen Vodokanal non riusciva a fare nulla per cambiare la situazione. La società doveva abbassare le tariffe dell'acqua per rendere la regione più appetibile per gli investitori. Non era possibile raccogliere i fondi necessari senza un aiuto esterno.

Era una situazione paradossalmente senza via di uscita: non vi era modo di iniziare un rinnovamento, ma il prezzo da pagare per rimanere in quelle condizioni stava ormai diventando troppo elevato. Di tutta l'acqua estratta nel 2008, quasi la metà veniva sprecata a causa di processi obsoleti, prima di raggiungere l'utente finale.


La sostituzione delle vecchie pompe era il nostro principale obiettivo. Una delle pompe utilizzate è stata prodotta nel 1898 ed un'altra risaliva la 1902.

Erzhan Aubakirov, Direttore della Oskemen Vodokanal

Nuova attrezzatura
Nel 2009, l'anno in cui Aubakirov prese il comando della Oskemen Vodokanal, lo Stato lanciò programmi di modernizzazione per reti e impianti pubblici.

"La sostituzione delle vecchie pompe era il nostro principale obiettivo." spiega Aubakirov. "Una delle pompe  utilizzate è stata prodotta nel 1898 ed un'altra risaliva al 1902."

Abbiamo indetto il bando di gara. C'è stato un immediato consenso e interesse da parte di molti potenziali appaltatori. A vincere l'appalto è stata Grundfos. Una delle clausole dichiarava che le nuove pompe sarebbeero dovute arrivare prima che fosse pagato l'intero prezzo della fornitura. Il saldo sarebbe stato, infatti, pagato durante l'arco dell'anno, finanziato in parte dai risparmi energetici acquisiti.

I nuovi prodotti, una volta installati, hanno creato subito dei miglioramenti. "E' come possedere uno smartphone di ultimissima generazione," afferma Aubakirov. "Lo accendi e inizia a funzionare."

FOTO: Due meccanici presso lo stabilimento di Oskemen Vodokanal monitorano i sistemi di ingresso dell'acqua.

Bollette più basse
Molti impianti di alimentazione idrica di Oskemen sono localizzati nelle vallate lungo i fiumi Irtysh e Ulba. "Consumiamo moltissima energia", spiega Aubakirov. "Pompiamo acqua da pozzi con una profondità di 40 metri e pompiamo quest'acqua su per la valle fino ai nostri consumatori."

Ma le attrezzature Grundfos sono riuscite ad abbassare di molto i costi energetici, ci spiega ancora. "Nel 2013, i risparmi energetici totali negli impianti con prodotti Grundfos era pari al 26.5 per cento, o l'equivalente di 30 milioni di Kazakh tenge [circa US$200,000], ci dice ancora.

Infatti, il consumo energetico globale della società è più basso rispetto al 2010, pur avendo installato più impianti. In aggiunta a ciò, la società sta anche consumando meno in termini di prelevamento di acqua dai pozzi, poichè vi è meno spreco idrico. Nel 2012 la quantità di acqua estratta ammontava al 30 per cento in meno rispetto al 2008, secondo la società.

La rinascita di un impianto
L'impianto di prelevamento d'acqua di Elevatorny, che serve circa 30,000 persone, divenne la prima stazione ad essere completamente attrezzata con prodotti Grundfos.

L'impianto è in funzione dal 1974, quando la città si espanse più a sud, sulla sponda sinistra del fiume Irtysh, ad una distanza maggiore dallle industrie pesanti.

La modernizzazione di Elevatorny impiegò quasi due anni e terminò nel 2011. "Di vecchio sono rimaste solo le mura," afferma Aubakirov con estrema soddisfazione.

FOTO: Le pompe Grundfos DDI offrono a Oskemen Vodokanal una soluzione moderna per il trattamento idrico.

Il rimodernamento ha coinvolto anche 11 nuove pompe sommerse all'interno dei pozzi, due pompe a doppia aspirazione ed un nuovo sistema di trattamento dell'acqua in grado di ridurre i rischi causati dall'uso di gas cloro.
Lo staff può controllare il processo di trattamento dell'acqua attraverso una piccola finestra senza dover utilizzare maschere per gas.

Non sono più necessari i controlli di agenzie per la gestione della sicurezza e per il monitoraggio delle norme di stato," afferma Aubakirov. "Non è più necessario seguire questo tipo di approccio."

Miglioramenti futuri
Dopo la modernizzazione, la società Oskemen Vodokanal divenne finalmente redditizia. Per Aubakirov, comunque, i traguardi dell'azienda sono solo l'inizio. Tra gli ulteriori piani di modernizzazione si ricorda l'intento di sostituire la rete idraulica della città grazie ad un programma di investimento per gli anni 2013-2015. Il programma mette in evidenza che alcuni tratti del sistema idraulico di Oskemen sono totalmente consumati.

Aubakirov vorrebbe inoltre introdurre il concetto di conservazione idrica ai cittadini, che si sono dimostrati riluttanti ad installare dei contatori dell'acqua. "In passato, a nessuno importava il concetto di efficienza e nessuno si sarebbe messo ad effettuare dei calcoli," ci spiega. "Era uno sbaglio dell'economia comunista."

Alla fine però, la modernizzazione non riguarda solo la contabilità. Crea un'alimentazione idrica sostenibile ed un ambiente migliore. "Dopo tutto," afferma,"tutto questo è fatto per le persone."

FOTO: Gli uffici di Oskemen Vodokanal ad Oskemen, Kazakistan

I sistemi di pompaggio moderni Grundfos installati ad Oskemen
Grundfos ha fornito i seguenti dispositivi per l'impianto di prelevamento d'acqua di Elevatorny:

• 11 x SP 215, pompe per estrazione idrica, 37 kW
• 2 x Selcoperm 1000, sistemi di disinfezione con ipoclorito
• 2 x DIA (Dosing Instrumentation Advanced) regolatori di misurazione
• 6 x DDI pompe per dosaggio digitali
• 5 x HS350-250-630 seconde pompe per stazione di sollevamento , 315 kW





    Facebook Twitter LinkedIn Technorati