Perchè il Kenya

file

Il Kenya ha bisogno di una mano - ma l’aiuto c'è

I primi 10 sistemi saranno realizzati in Kenya tra il 2010 e il 2012 – il primo sistema è stato implementato in un villaggio rurale chiamato Kambi ya Juu il 26 ottobre scorso.

In Kenya 25 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile – e vivono in condizioni di assoluta povertà. E a causa delle sfide climatiche, sempre più persone in Kenya subiranno gli effetti di siccità e carenza idrica.

Questo spiega il nostro impegno per il Kenya dal 2010 al 2012.
Inoltre, in Kenya abbiamo un’organizzazione Grundfos LIFELINK con una divisione di assistenza in loco ed è proprio qui che abbiamo sperimentato il sistema LIFELINK a partire dal 2008.

Nel tempo, il programma Grundfos Brings Water2Life prevede di fornire accesso all’acqua pulita in altri Paesi gravati da problemi idrici. Ma prima dimostreremo di poter fare la differenza in Kenya!

Il Kenya ha bisogno di una mano - ma l’aiuto c'è


In Kenya 25 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile – e vivono in condizioni di assoluta povertà. E a causa delle sfide climatiche, sempre più persone in Kenya subiranno gli effetti di siccità e carenza idrica. Questo spiega il nostro impegno per il Kenya dal 2010 al 2012.
Inoltre, in Kenya abbiamo un’organizzazione Grundfos LIFELINK con una divisione di assistenza in loco ed è proprio qui che abbiamo sperimentato il sistema LIFELINK a partire dal 2008.
Nel tempo, il programma Grundfos Brings Water2Life prevede di fornire accesso all’acqua pulita in altri Paesi gravati da problemi idrici. Ma prima dimostreremo di poter fare la differenza in Kenya!





    Facebook Twitter LinkedIn Technorati